Carabiniere ucciso, era Adam Kadmon?

Carabiniere trovato morto, suicidio o si tratta di omicidio ed era il vero Adam kadmon?

 

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon

Carabiniere trovato morto, suicidio o si tratta di omicidio ed era il vero Adam kadmon?

P.S. Questo articolo è stato scritto il 27 novembre 2014, ma è in continuo aggiornamento. Visto la particolarità dell’argomento e i nuovi elementi che stanno emergendo, ho preferito continuare ad aggiornare invece di fare un articolo nuovo, per far avere un quadro completo al lettore degli eventi accaduti.

Angelo Iervolino– 27 novembre 2014 – Omicidio o suicidio? Il 25 novembre 2014 alle ore 22:30 nella caserma “Salvo D’Acquisto”, nella zona nord di Roma, viene trovato morto dai suoi colleghi con un colpo di pistola al petto, il carabiniere Luis Miguel Chiasso originario della provincia di Terni che faceva parte dell’VIII Reggimento Lazio. Secondo quanto si è appreso, poco prima di morire ha chiamato il 112 in stato confusionale. A dare l’allarme è stato il militare che ha risposto alla chiamata. Alcuni colleghi sono andati a controllare nella sua stanza e, dopo aver forzato la porta lo hanno trovato morto. Sulla vicenda indagano i carabinieri del Nucleo investigativo.

Facciamo un analisi della dinamica del “suicidio”:

1) Il colpo è partito centrale sul petto, quindi come se qualcuno gli avesse puntato la pistola contro. Quasi impossibile farlo da solo;
2) Le notizie riportano un’arma di ordinanza, parliamo di una Beretta 98 sb calibro 9×19. Il corrispettivo “comune” è la 9×21, allora sarebbe utilissimo sapere se sulla mano che ha fatto fuoco sono state trovate abrasioni/tagli sul palmo tra pollice e indice (impugnatura calcio) ed ovviamente polso slogato (a causa del rinculo);
3) Lo scorrimento del carrello gli avrebbe creato dei danni. Il rinculo gli avrebbe bruciato la mano da quella distanza fino a spezzare qualche articolazione, provate e vedere quanto è scomoda e poco realistica tale posizione;
4) Da quella posizione, la pistola sarebbe saltata via per il contraccolpo, facendo schizzare il sangue ovunque, mentre invece è stato ritrovato il corpo con la Beretta stretta nella sua mano, e sembrerebbe senza danni e tutto pulito.

Alle ore 20:30 del 25 novembre 2014, quindi 2 ore circa prima della sua morte, il carabiniere posta sul suo profilo facebook queste parole:

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 03

“Ciao popolo. Vi prego condividete e urlate al mondo intero.
Sono Luis Miguel Chiasso qualcuno mi conosce sente le mie parole alla TV mi sono creato il personaggio con un attore di Adam kadmon, vi avevo promesso che avrei levato la maschera come faccio a sapere tante cose? Semplice Lavoro per i servizi segreti italiani ed internazionali, da tempo sto vedendo cose a noi sconosciute cose non di questo mondo ma dei nostri creatori, purtroppo sapere determinate cose porta delle responsabilità, mi resta poco da vivere so già che stanno arrivando per chiudere la mia bocca per sempre.

Anni fa giurai questo: “Giuro di essere fedele alla Repubblica italiana, di osservarne la Costituzione e le leggi e di adempiere con disciplina ed onore tutti i doveri del mio stato per la difesa della Patria e la salvaguardia delle libere istituzioni“.

E ora popolo vi dico combattete, ribellatevi fate che la mia morte non sia vana perché il popolo ha il diritto alla disobbedienza verso il governo quando questo perda legittimità agendo fuori dai limiti del mandato e il diritto all’uso consapevole dell’illegalità giustificato dallo stato di guerra che i governanti, tradendo il patto, avrebbero ripristinato:

Luis_Miguel_Chiasso_Adam_Kadmon_26

“E se coloro che con la forza sopprimono il governo sono ribelli, i governanti stessi non possono essere giudicati altrimenti, se essi, che sono stati istituiti per la protezione e la conservazione del popolo e delle sue libertà e proprietà, le violano con la forza e tentano di sopprimerle, e quindi, ponendosi in stato di guerra con quelli che li avevano stabiliti come protettori e custodi della loro pace, sono propriamente, e con la maggiore aggravante, rebellantes, cioè a dire ribelli. Ma se coloro, che dicono che questa dottrina getta il fondamento della ribellione, vogliono dire che può dare occasione a guerre civili o disordini intestini il dire al popolo che esso è sciolto dall’obbedienza quando si perpetrano attentati illegali contro le sue libertà e proprietà e può opporsi alla violenza illegittima dei suoi governanti istituiti, quando essi violino le sue proprietà contro la fiducia posta in loro, e che perciò questa dottrina, essendo così esiziale per la pace nel mondo, non deve essere ammessa, per la stessa ragione essi potrebbero parimenti dire che uomini onesti non possono opporsi a briganti e pirati, per il fatto che ciò può dar occasione a disordini o versamenti di sangue. Se in tali occasioni avviene qualche male, esso non deve essere imputato a chi difende il proprio diritto, ma a chi viola il diritto dei vicini. Se l’uomo innocente e onesto deve, per amor di pace, cedere passivamente tutto ciò che possiede a colui che vi attenta con la violenza, vorrei che si pensasse che razza di pace vi sarebbe al mondo, se la pace non consistesse che in violenza e rapine, e non dovesse essere conservata che per il vantaggio di briganti e oppressori. “

Un abbraccio Luis Miguel Chiasso (Adam).

Una foto postata nel suo profilo facebook: Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 02

 

 

 

 

 

 

 

Post del 22 novembre 2014:

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 08

“Non so chi mi abbia messo al mondo, né che cosa sia il mondo, né che cosa io stesso. Sono in un’ignoranza spaventosa di tutto. Non so che cosa siano il mio corpo, i miei sensi, la mia anima e questa stessa parte di me che pensa quel che dico, che medita sopra di tutto e sopra se stessa, e non conosce sé meglio del resto. Vedo quegli spaventosi spazi dell’universo, che mi rinchiudono; e mi trovo confinato in un angolo di questa immensa distesa, senza sapere perché sono collocato qui piuttosto che altrove, né perché questo po’ di tempo che mi è dato da vivere mi sia assegnato in questo momento piuttosto che in un altro di tutta l’eternità che mi ha preceduto e di tutta quella che mi seguirà. Da ogni parte vedo soltanto infiniti, che mi assorbono come un atomo e come un’ombra che dura un istante, e scompare poi per sempre. Tutto quel che so è che debbo presto morire; ma quel che ignoro di più è, appunto, questa stessa morte, che non posso evitare.”

 

 

Post del 8 novembre 2014:

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 09

Gli occidentali hanno bisogno di sapere cosa sta succedendo qui nell’Africa dell’est. STANNO MENTENDO!!!

Il virus dell’ebola non esiste [per come ce l’hanno presentato, n.d.losai] e non si diffonde. La Croce Rossa ha portato una delle malattie a quattro paesi specifici per quattro motivi particolari ed è contratta solo da coloro i quali ricevono fm iniezioni e cure dalla Croce Rossa.

Per questo motivo i nigeriani e i liberiani hanno iniziato a cacciare dai loro paesi la Croce Rossa e riportano nei loro TG la verità.

RAGIONI:

La maggior parte delle persone saltano alla conclusione della “depopolazione” che è indubbiamente uno degli obiettivi che gli occidentali vogliono realizzare in Africa. Ma ti assicuro, Africa, che non potrai mai essere depopolata attraverso l’uccisione di 160 persone al giorno quando ci sono migliaia di nascite al giorno. Quindi le vere ragioni sono molto più tangibili.

Ragione 1: questo vaccino che causa la malattia chiamata ebola è stato introdotto nell’Africa occidentale con lo scopo di far entrare delle truppe in Nigeria, Liberia e Sierra Leone. Se vi ricordate, stavamo già cercando di entrare in Nigeria con l’organizzazione terroristica “Boko Haram”. Cavolate. Il piano è crollato poiché i nigeriani iniziarono a dire la verità. Non ci sono ragazze smarrite. Per questo motivo era necessario una nuova scusa per far entrare le truppe in Nigeria e rubare le riserve di petrolio appena scoperte.

Ragione 2: il Sierra Leone è il più grande fornitore di diamanti al mondo. Negli ultimi quattro mesi hanno scioperato rifiutandosi di fornire diamanti per via delle orribili condizioni di lavoro e per la paga da schiavi. L’occidente non pagherà un salario equo per le risorse perché l’idea è quella di tenere in vita queste persone con sacchetti di riso e aiuti stranieri cosicché possano restare una fonte perenne di lavoratori schiavizzati. L’entrata in Sierra Leone di queste truppe servivano inoltre a mettere fine agli scioperi dei minatori di diamanti. Questa non è la prima volta che si verifica una cosa simile. Quando i minatori si rifiutano di lavorare vengono inviate delle truppe che sono disposte ad ucciderli tutti per poi rimpiazzarli; il loro unico desiderio è quello di riavere un’uscita dei diamanti dal paese. Naturalmente il lancio di più campagne volte ad invadere questi paesi separatamente sarebbe troppo equivoco. Ma una storia simile a quella dell’ebola permette di accedere a un’intera area simultaneamente.

Ragione 3: oltre al furto del petrolio nigeriano e a forzare i minatori del Sierra Leone a tornare a lavorare, le truppe sono state inviate anche per FORZARE le vaccinazioni a quegli africani che non sono abbastanza stupidi da vaccinarsi volontariamente. Sono state inviate tremila truppe per assicurarsi che questo veleno continui a diffondersi, ovviamente solo attraverso la vaccinazione. Dal momento che nuovi articoli vengono rilasciati come quello dalla Liberia, che informano la popolazione circa le bugie degli Stati Uniti e le loro manipolazione, sempre più africani si stanno rifiutando di farsi visitare dalla Croce Rossa. Le truppe obbligheranno il popolo a vaccinarsi per garantire la parvenza di una pandemia di ebola. Oltre a ciò proteggeranno la Croce Rossa dai liberiani e nigeriani che hanno il diritto di espellerla dal loro paese.

Ragione 4: tremila truppe… l’ebola ha paura dei proiettili?? Ridicolo. Come ultimo punto, ma non meno importante, l’APPARENZA di questa pandemia di ebola verrà usata per spaventare innumerevoli milioni di persone che si faranno il vaccinoantiebola” il quale è esso stesso, in realtà, la pandemia. Hanno già iniziato a raccontare le storie di come l’ebola sia stata portata negli Stati Uniti e comparsa a Dallas, di come i dottori bianchi siano stati curati mentre ai neri infetti non sia permessa la cura, ecc..

Tutto questo è volto a motivare gli africani per combattere per ottenere il vaccino poiché sembra che la cura venga loro negata. Insorgeranno in massa per avere l’antidoto e allora inizieranno i problemi seri. Con tutto quello che abbiamo rivelato quest’anno sui vaccini, potrete pensare che abbiamo imparato la lezione. Tutto ciò che posso fare è sperare che sia così, poiché loro si fanno forza della nostra ignoranza per attuare le loro agende. Domandati se l’ebola sia stata davvero diffusa da persona a persona o piuttosto se vi sia una diffusione controllata attraverso la vaccinazione. Poi chiediti PERCHÈ il CDC e il governo americano dovrebbero continuare a permettere i voli dentro e fuori questi paesi senza nessun controllo. Dobbiamo iniziare a riflettere a e divulgare informazioni globalmente perché loro non ci danno la vera prospettiva delle persone che vivono qui in Africa occidentale. Stanno mentendo per i loro interessi e lì fuori non ci sono abbastanza voci che ci aiutino a condividere la nostra realtà. Centinaia di migliaia di persone sono state uccise, paralizzate e rese disabili da questi e da altri “nuovi” vaccini in tutto il mondo e noi ne stiamo finalmente prendendo coscienza. Adesso che cosa ne faremo di tutte queste informazioni?

Post del 07 novembre 2014:

Studiando Psicologia si scopre che..! guarda caso militarmente ci siamo sempre noi dietro.

«La pazienza è la virtù dei forti, quindi anche una delle armi più efficaci di chi pratica il mindfucking.» Condizionare una mente, destrutturarla, ferirla, modificarla, indottrinarla non sono processi veloci.

Il tempo è un’arma notevole e formidabile: più a lungo il soggetto resta in isolamento, in privazione del sonno, in stato di ansia, in costante sensazione di senso di colpa, più si abitua alla sua condizione e più è facile accedere alla sua mente.

Negli interrogatori per esempio la ripetizione di domande sempre identiche per giorni e giorni è uno strumento egualmente efficace nell’esaurire le energie dell’interrogato, rendendolo pronto a qualsiasi confessione pur di uscire dalla situazione da incubo in cui si trova. Inoltre molti sistemi inquisitori includono luci penetranti puntate in faccia, suoni fastidiosi e prolungati usati per confondere i sensi, indebolire e infine esaurire le difese.

Per poi prenderne il pieno controllo.
Sarà per questo che oggi i bambini a 16 anni già hanno l’esaurimento.
Ma guarda caso se ti guardi intorno è pieno di queste cose.

Post del 06 novembre 2014:

Piuttosto che riscrivere i libri di testo, della scienza, delle religioni, della storia crediamo che sia il caso di investigare a fondo se non vi siano altre spiegazioni, più semplici.

Questi scienziati dimenticano che è stato registrato un eccesso di energia non riconciliabile con nessuna reazione chimica, un eccesso di fede non riconciliabile con nessuna spiegazione scientifica, e Darwiniana. Questo pure contrasta con 100 anni di esperienza. In un certo senso contrasta con le esperienze ufficiali degli ultimi 500 anni. Galileo rischiò di essere bruciato vivo perché contrastò 3 mila anni di conoscenza scientifica consolidata.

Post del 16 ottobre 2014:

Luis_Miguel_Chiasso_Adam_Kadmon_06B

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Post del 27 settembre 2014:

Io penso che nella vita lottare e soffrire: siano proprio queste l’essenze di una vita degna di essere vissuta. Se non ti stai spingendo al di là della tua “zona di comfort”, se non stai chiedendo di più a te stesso – crescendo e imparando nel cammino – stai scegliendo un’esistenza vuota. Ti stai negando un viaggio straordinario.
Ti Amo mondo come Amo me stesso.

Post del 22 settembre 2014:

Lo studio e la cultura migliore sono quelle che assorbì nel girare il mondo e stare a contatto con la natura
e le Persone, non stando a contatto in un ambiente chiuso davanti un PC o un libro.
E’ bello raccontare le proprie esperienze non le esperienze di altri.

Post del 14 settembre 2014:

In memoria del fratello Gheddafi, dire la verità porta delle responsabilità e delle conseguenze.
Avvolte non tutti sono pronti a sapere la verità, preferiscono sapere e vivere nella menzogna,
Come se il problema non esistesse, forse perché ci si sente impotenti e non in grado di cambiare il Sistema.

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 10

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Post del 17 Luglio 2014:

Luis_Miguel_Chiasso_Adam_Kadmon_24

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Post del 17 giugno 2014:

Mangiando al Mac Ti sei mai accorto dell’art.1 comma 429 legge 311/2004. Cioè scontrino non fiscale? Cosa significa? Te lo spiego subito. Gli azionisti proprietari delle multinazionali hanno tutti la residenza in paradisi fiscali che NON pagano tasse e usando la legislazione (nazionali e internazionali) particolarmente favorevole riservata alle aziende multinazionali, NON pagano tasse in nessuno dei paesi in cui operano. Naturalmente i nostri dipendenti al governo sanno bene questa cosa e, visto che i loro lauti stipendi NON sono pagati dalle multinazionali, dovevano trovare altri “polli” da spennare. Presto fatto! Con la legge finanziaria del 2004, si è introdotto nella legge finanziaria alcuni commi scritti apposta per:

1 –Liberare definitivamente le società multinazionali della scocciatura di dover emettere scontrini fiscali

2 –Incassare giornalmente l’obolo che i nostri dipendenti destinano al pagamento dei propri stipendi.

Non hai capito bene, vero? L’obolo che versiamo ai nostri dipendenti è l’IVA, che versiamo noi, NON le multinazionali, che trattengono per sé il 100% degli utili! Infatti la normativa prevede che giornalmente venga comunicato l’incasso ai fini IVA, che è l’unica cosa che interessa ai nostri dipendenti. Hai capito perché i piccoli negozianti sono destinati a chiudere? Perché i nostri dipendenti hanno scelto di delegare le grandi multinazionali a fare da esattore al posto loro e loro, in cambio, NON pagano tasse.
Condividetelo amici fatelo girare
Luis Miguel Chiasso

Post del 07 giugno 2014:

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 04“Un giorno qualunque, di un turno di servizio qualunque, uno scenario visto e rivisto, l’ennesimo delinquente che inizia a correre. Ma stavolta mi fermo, per qualche istante, inizio a pensare, una domanda si fa largo nella mia testa “perchè?”.

Perchè inseguirlo? Perchè corrergli dietro? Non sarebbe più facile “perderlo di vista”, dire “è riuscito a scappare”? Perchè lo facciamo?

Inseguirlo comporta tutta una serie di rischi, qualche livido se sei fortunato, che i tuoi figli crescano solo con la tua foto sul comodino, se non lo sei.

Ma non è tutto, no, perchè puoi anche avere la meglio tu, lo speri, però devi stare molto attento, non fargli male, non provarci, non vorrai mica che qualche giornalista o passante con l’immancabile telefonino ti riprenda per poi darti in pasto ai media? Fermalo, ma moderatamente, con contegno. O davanti al Giudice, insieme a lui, ci finirai anche tu.

E’ giusto, parli con la vittima di uno stupro, magari con una coppia di anziani in lacrime perchè hanno appena perso i risparmi di una vita, e poi, quando hai davanti il colpevole, che magari prova anche a colpirti, sicuramente ad insultarti o sputarti, dovresti cortesemente ammanettarlo? Ci avete preso per dei robot? Nessuna adrenalina, nessuna emozione. Ok.

Beh, ma mi direte, il nostro compito è arrestarlo e basta, poi ci penserà la Giustizia. Ora, io non vorrei allarmarvi, ma forse il dubbio lo avete già, la legge italiana è efficace solo con le persone oneste, solo con chi le multe deve pagarle, solo con chi ha la fedina penale pulita e si troverebbe la vita stravolta da una denuncia, per tutti gli altri è solo un contrattempo.

Ricordo una volta, stavo parlando con un poliziotto della Repubblica Ceca, si parlava di lavoro, ad un certo punto gli ho spiegato cosa fossero gli arresti domiciliari. E’ scoppiato a ridere.

La Giustizia italiana… ho perso il conto delle volte che ho visto uscire dal Comando persone fermate, persone che qualche ora prima mi hanno colpito, offeso, prima di me, perché io devo anche compilare chili di scartoffie per ogni dannata cosa che faccio, lo richiede la burocrazia.

Si, ma lo fate per le gente, avete scelto di difendere le persone. Vero. Ma quando ho scelto di indossare la mia divisa nessuno mi aveva detto che in questo paese non c’è alcun rispetto per le divise, c’è timore, diffidenza, non rispetto per quello che facciamo. Basta fare un giro su internet, dove le persone hanno erroneamente quella sensazione di poter dire liberamente tutto quello che vogliono, per vedere i commenti che le gente ci riserva, sempre pronta a gridare allo scandalo, al sopruso, alla vergogna.

Però dai, fate una bella vita, un sacco di privilegi. Si, vero. Ricordo con piacere ogni maledetto panino del McDonald mangiato di corsa sulla macchina per cenare, tutti i caffè e le vitamine prese dopo un turno di notte, tutte le volte che invece di farmi gli affari miei sono intervenuto fuori servizio e ho passato il mio giorno libero a compilare atti, accompagnato dagli insulti della mia ragazza perchè sono stato un incosciente.

E di quello che giornalmente vediamo in strada? Violenza, morti, ingiustizia. Questo lavoro ti cambia, ti segna, ti rende cinico. Sai come si riconosce qualcuno che ha portato la divisa per molti anni? Dagli occhi, dallo sguardo. E’ ostile, duro, stanco.
Ma non importa, dobbiamo essere robot, giusto?
E, come robot, infallibili, non sia mai che qualche colpevole non sia preso subito, prontamente, alla fine è tutto semplice, non vedete come fanno in CSI? Incompetenti, in America si che sanno lavorare, mica come voi qui in Italia!
Computer con schermo 3D, laboratori altamente tecnologici, analisi fantascientifiche, cosa vuoi che sia trovare il colpevole?
Ho brutte notizie per voi. I nostri PC hanno ancora lo schermo a tubo catodico, e la carta della stampante a volte me la devo portare da casa.
Quindi, detto questo, perchè correre? Perchè non far finta di non vedere?
Non lo so. Indossare una divisa, rispettarla, è una cosa strana da spiegare, forse è vero, ti nobilita, forse ti spinge sempre a fare la cosa giusta, nonostante tutto. Ogni giorno lotti per un’ideale, per un qualcosa che sai essere irreale, ma non per te.

E poi ci sono quelle cose, che chi non indossa una divisa non può capire, quelle piccole cose come il sollievo di rientrare a fine turno e vedere che lo hanno fatto anche tutti i colleghi, il restituire anche una semplice borsetta ad una signora anziana che ti abbraccia, i bambini che ti salutano per strada, che ti chiedono di vedere come è fatta la macchina di servizio, che impazziscono se gli regali una spilla e ti dicono ”da grande voglio farlo anche io…”, i grazie delle persone, e non intendi quelle frasi piene di ipocrisia, i “grazie, buon lavoro” che ti rifila di tanto in tanto qualcuno a cui hai appena risparmiato un verbale, intendo i grazie sinceri, quelli rari, di qualcuno a cui hai appena salvato qualcosa di importante.
Ed il portare la mano alla visiera per l’ennesimo collega morto in servizio. La rabbia di quel momento mi ha sempre dato una forza inesauribile, la forza di tirare avanti per perseguire un obiettivo che nessuno vede. Tranne te.
Fanculo ai pensieri, anche questa volta, si corre.”
L.M.C

Post del 1 giugno 2014:

Maestri..!

Ad Arimane from derma on Vimeo.

Post del 29 maggio 2014:

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 06

C’è abbastanza perfidia, odio, violenza,
Assurdità nell’essere umano medio
Per fornire qualsiasi esercito in qualsiasi giorno.
E i migliori assassini sono quelli che predicano contro.
E i migliori a odiare sono quelli che predicano AMORE
E i migliori in guerra – in definitiva – sono quelli che predicano PACE
Quelli che Predicano dio hanno bisogno di dio
Quelli che predicano pace non hanno pace
Quelli che predicano amore non hanno amore
Attenti ai predicatori
Attenti ai sapienti
Attenti a quelli che leggono sempre libri
Attenti a quelli che o detestano
la povertà o ne sono orgogliosi
Attenti a quelli pronti a elogiare
poichè hanno bisogno di elogi in cambio
Attenti a quelli veloci nel censurare
perché hanno paura di ciò che non sanno
Attenti a quelli che cercano continuamente
la folla; da soli non sono nessuno
Attenti
Agli Uomini Comuni
Alle Donne Comuni
ATTENTI al loro Amore
Il loro è un amore comune che mira alla mediocrità
Ma c’è il genio nel loro odio
C’è abbastanza genio nel loro odio per ucciderti,
per uccidere chiunque
Non volendo la solitudine
Non concependo la solitudine
Cercheranno di distruggere
Tutto ciò che si differenzia da loro stessi
Non sapendo creare l’Arte
Non capiranno l’Arte
Considereranno il loro fallimento come creatori
Solo come un fallimento del mondo
Non essendo in grado di amare pienamente
CREDERANNO Il Tuo Amore
Incompleto E POI ODIERANNO TE
E il loro odio sarà perfetto
Come un diamante splendente
Come un coltello
Come una montagna
COME UNA TIGRE
Come cicuta
La Loro ARTE
più raffinata.
Charles Bukowski – Il genio della massa

Post del 29 maggio 2014:

Se da giovane capisci il sistema Italiano devi conoscere questa regola “la regola del 5 per cento, della raccomandazione, dei favoritismi, la cultura delle mazzette e delle bustarelle che, prima ancora che i camorristi o i mafiosi, ha diffuso nel nostro territorio proprio lo Stato che invece è stato proprio assente nell’offrire delle possibilità alternative e legali alla propria popolazione”.

Post del 15 maggio 2014:

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 07

Se cambi te stesso, cambierai il mondo, nella parte del mondo in cui tu vivi o nella parte del mondo in cui tu sei nato… E le persone lo noteranno: alcune ne saranno rallegrate, altre seguiranno il tuo esempio e capiranno di poter sbocciare. Ti pare poco?

Che senso ha combattere, nella tua mente, contro i torti passati? Contro le ingiustizie e i sbagli?
Perdonare e lasciare andare il rancore serve a migliorare il mondo, perché elimina le insulse radici delle vendette. Perdonare libera energie da investire nel futuro. Perché proprio da quei sbagli da quelle scelte sono quello che sono diventato oggi.

Post del 14 maggio 2014:

Quando avevo 5 anni, mia madre mi disse che la felicità è la chiave della vita. Quando andai a scuola, mi chiesero che cosa avrei voluto essere da grande. Io scrissi ‘felice’.
Qualunque cosa io ho fatto o non fatto, ci sarà sempre qualcuno che avrà da ridire, che mi apprezzerà o che sarà invidioso.
Sapete che vi dico? Che io continuo a fare e a dire ciò che cazzo mi pare, anche perché tra vent’anni non sarete delusi delle cose che avete fatto ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l’ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite. Sbagliate.

Post del 29 aprile 2014:

Le Persone non fanno i Viaggi sono i viaggi che fanno le persone, l’unico vero viaggio verso la scoperta non consiste nella ricerca di nuovi paesaggi, ma nell’avere nuovi occhi.

Post del 20 marzo 2014:

«Dacci oggi il nostro pane quotidiano».
Peccato che l’abbiano tradotta così male, questa frase.
La traduzione latina era più fedele:
«Panem nostrum supersubstantialem
da nobis hodie».
Cioè: siano nutrite le nostre superiori aspirazioni,
a scoprire, fare, volere, creare
più di quello che c’è già.
Invece, mettendo «pane quotidiano»
là dove era scritto ben chiaro «panem supersubstantialem»,
si abituavano le persone a elemosinare a Dio
quello che già conoscevano,
come se fosse ciò che c’è di più prezioso.
In più, sul piano strettamente concreto,
quella traduzione incoraggiava a credere che,
se di cibo ce n’era poco per alcuni, Dio c’entrasse qualcosa.
E dunque che così dovesse essere.

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 12

Nel suo profilo di Instagram il giovane carabiniere indossa un anello chiaramente massonico. Inoltre ha frequentato l’Università degli Studi Niccolò Cusano è un’università privata di Roma, fondata nel 2006 e legalmente riconosciuta dal MIUR con decreto ministeriale del 10 maggio 2006. L’ateneo è intitolato a Niccolò Cusano.

Niccolò Cusano (1401-1464), fu uno dei precursori della massoneria. Nome italianizzato di Nikolaus Krebs von Kues è stato un cardinale, teologo, filosofo, giurista e astronomo tedesco. Tra le molteplici opere ricordiamo De docta ignorantia (1440). La gnoseologia di Cusano si fonda sull’idea che la possibilità di conoscenza si basa sulla proporzione fra noto e ignoto. Con tale espressione s’intende che quanto non si conosce, lo si può conoscere solo mettendolo in relazione con ciò che già si conosce, ma questo diventa possibile solo quando la cosa ignota, che non si conosce, abbia un minimo a che fare con ciò che già si conosce. La posizione della “dotta ignoranza” è l’unica che si può prendere di fronte a Dio, quale Essere perfetto e infinito, inattingibile alla possibilità di conoscenza di esseri imperfetti quali gli uomini. Cusano afferma che sapiente non è colui che possiede la verità, ma colui che conosce la propria ignoranza, ed è quindi consapevole dei propri limiti.

La cosa particolare è che questa università ha un logo a forma di piramide, ovviamente sono tutte coincidenze. http://lp.unicusano.it/

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 13

 

 

 

 

 

 

 

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 14

Dal suo profilo di Instagram e Facebookil giovane non sembra un carabiniere semplice: esperto di arti marziali e di montaggi video, paracadutista della Folgore, esperto di armi, sapeva andare a cavallo e in moto ed era un sommozzatore. Viaggiava molto: Atlanta, Miami, Cancún, Costa Rica, Colombia, Egitto, Monaco di Baviera, Barcellona, Madrid, Londra, Istanbul. Dalle foto sembra che appartenesse a qualche reparto speciale dei carabinieri o all’Eurogendfor. Forse era un componente del Raggruppamento Unità Difesa (conosciuto anche con l’acronimo di R.U.D.) è un apparato interforze dello Stato Maggiore della Difesa, la cui sede si trova a Roma, a Forte Braschi. Il R.U.D. ha ufficialmente il compito di occuparsi della vigilanza, difesa e della logistica delle installazioni militari appartenenti al Servizio di Intelligence. Nel secondo dopoguerra lo Stato maggiore dell’Esercito crea il 2°Reparto autonomo ministeriale (2º R.A.M.), livello battaglione, che il 1º luglio 1960 veniva trasformato in Raggruppamento unità speciali (R.U.S.), livello battaglione, che il 16 ottobre 1961 passa a livello reggimento, e poi successivamente (1963) cambia denominazione in Raggruppamento unità difesa, livello reggimento, organizzato in distaccamenti (battaglioni) e compagnie. Negli ultimi anni della storia italiana, per la liberazione di Aldo Moro, la squadra delle forze speciali che era incaricata dell’azione, si addestrò alcuni giorni presso la sede odierna del Distaccamento Operativo del R.U.D. presso Cerveteri. Questo distaccamento è stato anche il centro di addestramento degli uomini della “Sezione K” del SISMI. Il R.U.S. prima e il R.U.D. poi, contabilmente dipendevano dall’Ufficio centrale dei servizi contabili presso la Ragioneria centrale, con la Legge n° 30 del 20 febbraio 1981 (articolo n° 5) le competenze venivano prese dalla costituenda Direzione di amministrazione interforze. Dal 2007 opera in stretto collegamento con l’Agenzia Informazioni e Sicurezza Esterna, il Servizio segreto per l’estero, la cui sede si trova presso la caserma “Casal Forte Braschi-Nicola Calipari” a Roma.

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 24Casualmente il 28 agosto 2014 Luis Miguel Chiasso, scrive un post su Facebook, immaginate da dove? La risposta è qui nella foto….Forte Braschi, “ovviamente anche questa è un’altra coincidenza”.

 

 

 

 

 

 

 

 

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 15

 

 

 

 

 

 

 

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 16

 

 

 

 

 

 

 

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 17

 

 

 

 

 

 

 

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 18

 

 

 

 

 

 

 

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 19

 

 

 

 

 

 

 

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 20

 

 

 

 

 

 

 

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 21

 

 

 

 

 

 

 

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 22

 

 

 

 

 

 

 

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 23

 

 

 

 

 

 

 

Video 1, 2 e 3 Adam Kadmon – Primo personaggio, potrebbe essere il carabiniere ucciso.

Video 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10 e 11 Adam KadmonSecondo personaggio. 

Luis Miguel Chiasso - Adam Kadmon 11

Come potete notare nei video i personaggi in Adam Kadmon sono due e anche le sigle iniziali sono diverse, nel primo, secondo e terzo video potrebbe essere il carabiniere ucciso. In base alla numerologia Templare, calcolando la data di nascita del carabiniere, il suo numero di destino è 7. Inoltre è stato ucciso il 25.11.2014 e sommando questa data esce di nuovo 7, l’orario nel quale è stato ucciso sono le 22:30 e anche qui sommando i numeri esce 7Adam Kadmon nel video numero 4 parla della presenza costante del numero 7 nella sua vita, coincidenze? Condoglianze all’Arma dei Carabinieri e ai familiari di Luis Miguel Chiasso da parte della nostra redazione. Omicidio o suicidio? Adam kadmon o un giovane carabiniere che si è suicidato? Di certo era un ragazzo molto estroverso, solare e molto intelligente, non aveva un profilo comune, da quello che scriveva aveva un profilo molto simile ad Adam Kadmon, molto simile da essere lui?

 

 

Fonti:

https://www.facebook.com/luismiguel.chiasso?fref=photo

http://ink361.com/app/users/ig-301125103/photos

http://www.ilsecoloxix.it/p/italia/2014/11/26/AR8AJqgC-carabiniere_suicidio_caserma.shtml

http://it.wikipedia.org/wiki/Raggruppamento_unit%C3%A0_difesa

Privacy Policy

About Angelo Iervolino

Imprenditore, Massaggiatore Sportivo e del Benessere, Blogger, Reporter, Fotografo, Scrittore, Telescriventista, Operatore Radio (Radiotelegrafista).