La follia di Obama, gli USA continuano ad addestrare i ribelli siriani

La follia di Obama, gli USA e i suoi alleati continuano ad addestrare i ribelli siriani.

 

ISIS_Al_Qaida_Senatore_John_McCain_USA

La follia di Obama, gli USA e i suoi alleati continuano ad addestrare i ribelli siriani.

– Angelo Iervolino 24 febbraio 2015 – Leggendo la notizia riportata sul sito lettera43.it sono rimasto basito. Obama con i suoi alleati Arabia Saudita, Qatar, Turchia e Giordania ha deciso di addestrare ancora i ribelli siriani e addirittura Washington e Ankara avrebbero siglato un’intesa triennale, per addestrarli insieme a partire da marzo. Accordi analoghi sarebbero stati negoziati con Giordania e Arabia Saudita. Per fortuna dall’articolo non risultano nomi di paesi della comunità europea implicati. Ricapitoliamo il tutto: Usa, Arabia Saudita, Qatar, Turchia e Giordania, insieme a molti paesi europei fino a pochi mesi fa hanno armato, addestrato, finanziato e appoggiato i ribelli siriani/ISIS nel tentativo per ora fallito di abbattere Assad. I motivi?: umanitari? No, semplicemente economici, già li ho riportati in un mio articolo del 20 maggio 2013: “L’Unione Europea da il via libera per armare i ribelli in Siria, ecco cosa c’è in ballo“, ossia la vendita di gas, quindi parliamo di miliardi di dollari. In pratica vorrebbero costruire un oleodotto in Siria per vedere il gas del Qatar in Europa al posto della Russia, gas che è gestito da una società americana la Nabucco, antagonista della russa Gazprom. Fino a qui allora sembra tutto chiaro, solo miliardi di dollari potevano mettere insieme Stati Uniti, Israele, paesi arabi, ribelli siriani, terroristi e mercenari di ogni paese del mondo, Al-Qaidaal-Nusra Front, paesi europei, ecc., scusate se ho dimenticato qualcuno. Tutti contro Assad, una mega coalizione fallimentare che a settembre 2013 stava per scatenare la terza guerra mondiale, ma che si è fermata davanti la forza difensiva russa schierata in difesa della Siria. Ricordiamoci che con grosse probabilità Israele ha usato armi nucleari tattiche contro Homs, come ho descritto già nel mio articolo del 8 agosto 2013: “Attacco nucleare sulla Siria, intervista a Greg Thielmann“, hanno simulato l’uso di armi chimiche da parte di Assad contro la sua stessa popolazione, fatti che col tempo si sono dimostrati ampiamente non veritieri vedi i miei articoli: “Crimini di guerra in Siria, il complotto Euro-Sionista e gli USA cercano di buttare fango su Assad“, “Bambini siriani messi sotto ghiaccio, in Siria arrivano i missili russi supersonici anti-nave e da fonti arabe escono fuori i piani della Nato“, “I ribelli ammettono: le armi chimiche le abbiamo usate noi“. Che i ribelli usavano armi americane è uscito fuori nel 2013 e io sono stato uno dei primi a farlo notare tramite i miei articoli. Quando poi sono uscite le prove che i ribelli siriani tagliavano teste, mangiavano il cuore dei soldati siriani e sterminavano i cristiani come descritto in alcuni mie articoli: “I ribelli uccidono i cristiani e fanno pulizia etnica nei villaggi“, “La verità sulla Siria, reportage di RaiNews24 di Gian Micalessin“. Nessuno ha detto nulla, tutto era lecito, bastava abbattere Assad. Del resto per i politici americani era tutto lecito anche quando hanno organizzato l’attentato dell’11 settembre, e quando come ha affermato la stessa Illary Clinton, hanno creato Al-Qaida, per contrastare i russi in Afghanistan. La stessa Illary Clinton ha fatto capire che il gioco valeva la candela e che tutte le persone morte fino ad ora, sono stati: “degli effetti collaterali”. Con lo stesso ragionamento ora continuano ad addestrare, armare e finanziare i ribelli siriani contro Assad. “Circa 1.200 miliziani dell’opposizione siriana sono stati identificati dal Pentagono come «moderati». Si stima di estendere il training a 5 mila ribelli l’anno, per tre anni, in campi in Qatar, Arabia Saudita e anche Turchia“. Che bravi quelli del pentagono, sono riusciti a trovare 1.200 moderati, “complimenti”, dopo che ne hanno addestrato, armato e finanziato più di 60.000 che non sono tanto moderati e hanno creato ISIS e stanno mettendo a ferro e fuoco Medioriente ed Africa e tra poco arriveranno anche in Europa, potevano farla prima di armare migliaia di terroristi la ricerca di moderati non pensate? Sicuramente sono dei geni, e per loro ISIS è solo un effetto collaterale, come lo sono le migliaia di civili tra cui molti bambini innocenti musulmani e cristiani e di altre religioni che stanno perdendo la vita. Qui non è una guerra di religione come vogliono farcela passare, e ISIS non sono nemmeno tanto sprovveduti, visto che molti di loro sono stati addestrati nei campi in Giordania dalla CIA, come ho scritto già nel mio articolo: “La CIA prepara l’invasione della Siria“, altri sono mercenari Serbi e Inglesi, e circa il 10% provengono dalla Turchia. Allora dite chiaramente a tutto il mondo che volete la Siria per vendere il vostro maledetto gas del Qatar in Europa, tanto ormai fate tanto i grandi e fate i giochetti per rivendicare le vostre vittorie e far vedere che siete bravi, potenti e forti. Avete più volte rivendicato l’11 settembre, ora di che avete paura, che la gente si sveglia e inizia a rivoltarsi? Del resto avete previsto anche questo con i campi di concentramento Fema (forniti di bare di plastica e forni crematori) in America, che possono ospitare circa 15 milioni di persone, quindi di cosa avete paura di Putin? Per questo state provando a fermarlo? Come avete visto Putin oltre che in Siria, vi ha dato una lezione anche in Ucraina, e sta vincendo anche la guerra economica con la creazione del BRICS e con l’utilizzo dell’oro e di altre valute per scambiare petrolio, gas e altre materie prime. Su questa strategia del terrore, di attentati falsi, e queste stragi di massa prima o poi uscirà fuori la verità, come stanno uscendo fuori i fatti sull’11 settembre, e spero che gli artefici di tutto questo vengano arrestati e giudicati per crimini di guerra. Obama si trova in buona compagnia, insieme al dittatore turco Recep Tayyip Erdogan, che già ha dimostrato la sua “democrazia” durante le proteste del Gezi park vedi articolo: “Bagno di sangue in Turchia, la polizia uccide i manifestanti“. Erdogan ha fatto passare per la Turchia, armi e carri armati diretti ad ISIS, oltre che migliaia di terroristi. Un paese Nato che fa da ponte per ISIS, “complimenti”, del resto Recep Tayyip Erdogan è uno dei primi che appoggiava Morsi e il fratello di Obama è uno dei capi dei fratelli musulmani, Malik Obama. Il padre di Obama era Musulmano, quindi il cerchio si stringe vedi articolo: “Obama vuole la guerra, il primo presidente americano legato all’islam“. Ovvio che Obama ed Recep Tayyip Erdogan tra musulmani “si intendono” e difendono gli interessi dei paesi Arabi come Qatar e Arabia Saudita, invece di difendere gli interessi dei paesi Europei e del popolo americano.

ISIS_Al_Qaida_Senatore_John_McCain_USA_Libia_Ucraina_Siria

Non è difficile capire chi comanda i terroristi. Il popolo americano dovrebbe solo prendere Obama e il Senatore McCain, e metterli non nei capi Fema, ma nel campo di prigionia di Guantánamo, insieme agli altri detenuti con una bella tuta arancione e buttare via la chiave. La Merkel e Hollande hanno sentito puzza di bruciato e hanno capito che bisognava trovare un accordo con Putin. La Germania e la Francia hanno capito anche se tardivamente che il gas del Qatar non arriverà mai in Europa, e che continuare a fare “la guerra” alla Russia significava solo auto-danneggiarsi. Quindi dopo aver fatto perdere a tutti i paesi europei compreso i loro, milioni di euro di commesse, hanno capito che l’unica soluzione era scendere a patti con Putin, e così hanno fatto. Quindi dopo che i ribelli filo-russi hanno ucciso 3088 soldati ucraini e mercenari nella battaglia di Debaltseve, piegando le truppe ucraine e costringendole ad una ritirata veloce, lasciando tutti gli armamenti sul campo, l’accordo stipulato in extremis dalla Mekerl e Hollande a Minsk ha retto. Una Europa più consapevole che l’amministrazione Obama sta creando solo danni in tutto il mondo, e che la minaccia ISIS, si avvicina sempre più.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fonte:

http://www.lettera43.it/politica/guerra-all-isis-gli-usa-ripartono-dai-sunniti_43675159496.htm

About Angelo Iervolino

Imprenditore, Massaggiatore Sportivo e del Benessere, Blogger, Reporter, Fotografo, Scrittore, Telescriventista, Operatore Radio (Radiotelegrafista).